D.L. 50/2017 – Ampliamento dei soggetti che applicano Split Payment e nuovo obbligo per i professionisti/lavoratori autonomi

La manovra correttiva del D.L. 50/2017 ha ampliato i soggetti che dal 01.07.2017 applicano lo Split Payment.

DAL 01.07.2017 anche i professionisti/lavoratori autonomi devono applicare lo Split Payment nelle fatture emesse ai soggetti interessati dalla disciplina.

SOGGETTI INTERESSATI

Lo Split Payment si applica nelle fatture emesse nei confronti di:

  • Stato
  • Organi dello Stato anche se aventi personalità giuridica
  • Enti pubblici territoriali e rispettivi consorzi
  • Camere di commercio, industria, artigianato ed agricoltura
  • Istituti universitari
  • ASL (aziende sanitarie locali) ed enti ospedalieri
  • Enti pubblici di ricovero e cura con prevalente carattere scientifico
  • Enti pubblici di assistenza e beneficienza e di quelli di previdenza

–   nuovi soggetti aggiunti dal D.L. 50/2017 individuati dagli elenchi che potete scaricare nella pagina web sul sito del MEF:

http://www.finanze.it/opencms/it/fiscalita-nazionale/Manovra-di-Bilancio-2017/Scissione-dei-Pagamenti-d.l.-n.-50_2017/

I Nuovi soggetti aggiunti dal D.L. 50/2017 sono i seguenti:

A)    pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato;
B)    società controllate direttamente dalla Presid. Consig. dei Ministri e dai Ministeri;
C)    società controllate di fatto, direttamente dalla Presid. del Consig dei Ministri e dai Ministeri;
D)    le società controllate dalle regioni, province, città metropolitane, comuni, unioni di comuni;
E)    le società controllate direttamente o indirettamente dalle società di cui sopra;
F)    le società quotate inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa italiana.

MODALITA’ OPERATIVA

Il fornitore emette la fattura indicando che l’iva sarà versata dal cliente stesso ai sensi dell’art. 17-ter DPR 633/72.

Esempio di fattura:

 

Nel registro iva vendite viene evidenziata quest’iva che però non entra nella liquidazione periodica IVA.

DICHIARAZIONE ART. 17 TER del DPR 633/72

Il fornitore, prima di emettere fattura, può richiedere al suo cliente una dichiarazione in cui indicare se lo stesso è soggetto alla disciplina dello Split Payment.

 

In caso di richiesta da parte dei vostri fornitori il legale rappresentante deve inviare (tramite PEC) una dichiarazione su carta intestata del seguente tipo:

 

————————————————————————————————————

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL’ATTO DI NOTORIETA’

(Art. 47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445)

Il sottoscritto …….. in qualità di legale rappresentante della società …….. C.F. ………,

DICHIARA

  • Che, ai sensi dell’art. 17 ter DPR 633/72, la società non è soggetta alla disciplina dello SPLIT PAYMENT.

Data_____________

In fede

Per______________

_________________

(timbro e firma)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.