CREDITO D’IMPOSTA A FAVORE DI IMPRESE “ENERGIVORE” – E “NON ENERGIVORE”

Al fine di contenere gli effetti degli incrementi dei prezzi dell’energia elettrica, sono stati emanati recenti Decreti Legge (D.L. n. 4/2022 – D.L. n. 17/2022 – D.L. n. 21/2022 – D.L. 50/2022), con i quali sono stati riconosciuti dei crediti d’imposta, a favore di imprese, “energivore” – e “non energivore”, da calcolare sulle spese, relative alla componente energetica, sostenute nel 1^ e nel 2^ trimestre 2022.

 

In particolare il suddetto credito d’imposta, connesso alle spese sostenute per l’energia elettrica, è riconosciuto in misura diversa in relazione alla qualifica assunta dall’impresa come:

  1. “Energivora”
  2. “Non energivora”

IMPRESE ENERGIVORE

 

Sono qualificate “energivore” le imprese che presentano i seguenti requisiti:

  • hanno un consumo di energia elettrica almeno pari a 1 GW/h anno;
  • operano nei settori tessile, carta, vetro, ceramica, siderurgia, componenti elettronici, agro-alimentare, abbigliamento, farmaceutico ecc. di cui agli Allegati 3 e 5 delle linee guida CE (vedi allegato);
  • siano iscritte nell’elenco di cui al all’art. 6 DM 21.12.2017 redatto dalla CSEA (Cassa per i servizi energetici e ambientali).

IMPRESE NON ENERGIVORE

 

Sono qualificate “non energivore” le imprese che non presentano i requisiti delle “energivore” e sono dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW.

 

Per le “energivore” il  credito d’imposta spetta ed è calcolato sulle spese del 1^ trimestre 2022

 

SE:

il costo medio per kW/h della componente energia elettrica(1), hanno subito un incremento superiore al 30%, confrontando il 4^ trimestre 2021, al netto di imposte e sussidi, con il 4^ trimestre 2019.

 

Per le “energivore” e “non energivore” il  credito d’imposta spetta ed è calcolato sulle spese del 2^ trimestre 2022

 

SE:

il costo medio per kW/h della componente energia elettrica, hanno subito un incremento superiore al 30%, confrontando il 1^ trimestre 2022, al netto di imposte e sussidi, con il 1^ trimestre 2019.

 

Schematizzando il credito d’imposta può essere riassunto nella tabella che segue:

Tipologia di impresa

Periodo di sostenimento della spesa(2)

Credito d’imposta spettante

energivora

1^ trimestre 2022

20% della spesa per componente energetica

energivora

2^ trimestre 2022

25% della spesa per componente energetica

non energivora

2^ trimestre 2022

15% della spesa per componente energetica

 

L’utilizzo del credito d’imposta può avvenire esclusivamente mediante compensazione con il Modello F24 entro il 31.12.2022 e non viene tassato, né IRAP né IRES.

Inoltre i crediti d’imposta possono essere ceduti, entro il 31.12.2022, solo per intero, ad altri soggetti, anche alle banche e ad altri intermediari finanziari, ma con le analoghe limitazioni previste per i crediti relativi ai bonus edilizi.

Tuttavia, le modalità operative della cessione del credito sono demandate ad uno specifico Provvedimento dell’Agenzia Entrate, ad oggi, non emanato.

 

 

Lo Studio è a disposizione per verificare i requisiti ed il calcolo del credito d’imposta.

________________________________________________________________________________

(1) Il costo medio della componente energia elettrica deve essere calcolato tenendo conto dei costi per:

  • l’energia elettrica, incluse le perdite di rete;
  • il dispacciamento, inclusi i corrispettivi relativi alla copertura dei costi per il mercato della capacità o ai servizi di interrompibilità;
  • la commercializzazione.

sarà escluso ogni altro costo accessorio diretto e/o indiretto indicato in fattura diverso dalla componente energetica, ad esempio le spese di trasporto, le coperture finanziarie sugli acquisti di energia elettrica e le imposte inerenti alla componente energia.

per semplificare si dovrà fare riferimento alla macrocategoria indicata in fattura alla voce “spesa per la materia energia”.

il costo medio così ottenuto dovrà essere ridotto anche di eventuali sussidi o di qualsiasi beneficio economico, fiscale/non fiscale conseguito dall’impresa a copertura totale/parziale della componente energetica.

(2) Il periodo di riferimento è individuato per competenza, ovvero le spese della componente energetica devono essere effettivamente sostenute nel trimestre e documentate mediante fattura. Non possono essere considerati i consumi stimati, eventualmente fatturati in acconto dal gestore.

 

ALLEGATO 3

ALLEGATO 5

DAL 01.07.2022 OBBLIGO DI FATTURA ELETTRONICA PER I FORFETTARI, MINIMI E REGIME 398

OBBLIGO DI FATTURA ELETTRONICA PER FORFETTARI, MINIMI E REGIME 398

Dal 01.07.2022 entra in vigore l’OBBLIGO DI FATTURA ELETTRONICA per i seguenti soggetti che nell’anno 2021 hanno conseguito ricavi superiori a €. 25.000:

 

  • Soggetti in regime fiscale FORFETTARIO;
  • Soggetti in regime fiscale dei MINIMI;
  • Soggetti in regime fiscale di cui agli art. 1 e 2 398/91.

 

In caso di attività iniziata nel corso del 2021 il limite dei €. 25.000 deve essere ragguagliato ad anno.

 

Dal 01.01.2024 la fattura elettronica diventerà obbligatoria per tutti senza limite di ricavi.

 

CONSEGNA DOCUMENTI DELL’ANNO 2021

I clienti che applicano il regime forfettario, il regime dei minimi o il regime 398 devono consegnare allo studio i documenti contabili del 2021 per la verifica dei limiti.

OBBLIGO POS DAL 30.06.2022 PER IL COMMERCIO, I SERVIZI ED I PROFESSIONISTI

OBBLIGO POS DAL 30.06.2022

Dal 30.06.2022 sono obbligati ad accettare anche pagamenti effettuati attraverso carte di credito, bancomat e carte di debito:

  • i soggetti che effettuano l’attività di commercio di beni;
  • i soggetti che effettuano prestazione di servizi (anche artigiani, idraulici, elettricisti, etc);
  • i professionisti (medici, avvocati, architetti, geometri, etc.).

 

SANZIONI

Per la mancata accettazione di pagamenti tramite carte elettroniche, DI QUALSIASI IMPORTO, è prevista una doppia sanzione:

  • una sanzione fissa di €. 30,00 (trenta/00);
  • una sanzione variabile pari al 4% del valore della transazione.

INVIO DEI CORRISPETTIVI – OBBLIGO DEL NUOVO TRACCIATO VERSIONE 7.0

INVIO TELEMATICO DEI CORRISPETTIVI CON VERSIONE 7.0:

Dal 2022 l’invio telematico dei corrispettivi deve essere effettuato con il nuovo tracciato telematico (ver. 7.0).

 

SANZIONI:

L’invio dei dati con il “vecchio” tracciato ver. 6.0 configura una “omessa trasmissione” dei corrispettivi con una sanzione di € 100 per ciascuna trasmissione, senza possibilità di applicare il cumulo giuridico.

 

Vi invitiamo quindi a verificare con chi segue l’assistenza del vostro registratore telematico che il dispositivo sia aggiornato al nuovo tracciato.

ASSEGNO UNICO PER FIGLI A CARICO DA MARZO 2022

ASSEGNO UNICO UNIVERSALE-AUU PER FIGLI A CARICO DI ETA’ INFERIORE A 21 ANNI

L’assegno unico universale è la nuova misura a sostegno economico alle famiglie con figli fino a 21 anni.

Con l’introduzione dell’assegno unico vengono abrogati:

  • gli assegni famigliari;
  • le detrazioni in dichiarazioni dei redditi e in busta paga per figli a carico fino a 21 anni.

 

IMPORTO DELL’ASSEGNO UNICO PER OGNI FIGLIO A CARICO DI ETA’ INFERIORE A 21 ANNI

L’importo mensile dell’assegno per ogni figlio è determinato in base all’ISEE valido al momento della domanda e va da un massimo di €. 175,00 con un ISEE inferiore o uguale a €. 15.000 fino a un minimo di €. 50,00 con un ISEE dai €. 40.000,00 in su.

In assenza di ISEE è comunque riconosciuto l’importo di €. 50 al mese per ogni figlio a carico.

 

Sono previste delle maggiorazioni dell’importo dell’assegno come, per esempio, nel caso di più di 2 figli o nel caso di figli disabili o se la madre è di età inferiore a 21 anni.

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda deve essere presentata, direttamente o tramite un CAF, nel sito dell’INPS accedendo con SPID.

L’assegno sarà riconosciuto dal mese successivo a quello di presentazione della domanda.

In fase di prima applicazione se la domanda è presentata entro il 30.06.2022 l’assegno decorre dalla mensilità di marzo 2022.