ANNULLATA INTIMAZIONE DI PAGAMENTO DI EURO 530.362,53 PER OMESSO PAGAMENTO DI DEBITI PREVIDENZIALI

Il Tribunale di Padova, con la sentenza n. 295/2021 del 3.6.2021,  ha accolto opposizione all’esecuzione ex art. 615, co. 1 c.p.c. proposta dallo Studio Wise, con gli avv.ti Riccardo Rocca ed Edoardo Gloria, relativa ad una intimazione di pagamento dell’importo di euro 530.362,53, fondata su cartelle di pagamento per debiti previdenziali, ribadendo il principio per cui, in tale materia, vige la prescrizione quinquennale.
Secondo il giudice patavino, infatti, conformemente a quanto già affermato dalla Corte di Cassazione con la sentenza Cass. SS.UU. n. 23397/2016, la scadenza del termine perentorio stabilito per opporsi o impugnare un atto di riscossione coattiva produce soltanto l’effetto sostanziale della irretrattabilità del credito, ma non determina invece l’effetto della cd. “conversione” del termine di prescrizione breve eventualmente previsto in quello ordinario decennale di cui all’art. 2953 c.c. (secondo cui, una volta intervenuta una sentenza, il termine prescrizionale diventa decennale anche se originariamente era più breve).
Di particolare interesse, inoltre, anche quanto affermato in merito all’eccepito difetto di legittimazione passiva da parte di INPS ed INAIL: l’eccezione di prescrizione, in quanto istituto di carattere sostanziale, rileva anche contro l’Ente titolare del credito che, essendosi disinteressato delle sorti del credito medesimo, omettendo di porre in essere atti idonei a sollecitare l’ente deputato alla riscossione a riscuotere quanto dovuto, va pertanto condannato in solido con l’Agente della riscossione.

sentenza n. 295.2021

 

 

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO SOSTEGNI BIS D.L. 73/2021

Il Decreto Sostegni bis (D.L. 73/2021) ha previsto il riconoscimento di 3 nuove tipologie di contributi a fondo perduto.

 

1) CONTRIBUTO AUTOMATICO

E’ previsto un contributo a fondo perduto “AUTOMATICO” a favore dei soggetti già beneficiari del contributo del c.d. “Decreto Sostegni” con un ammontare medio mensile del fatturato / corrispettivi 2020 inferiore almeno del 30% dell’ammontare medio mensile del fatturato / corrispettivi 2019.

  • IMPORTO – L’importo sarà uguale a quello già ricevuto.
  • SENZA ISTANZA – è riconosciuto automaticamente, senza presentare un’ulteriore istanza.

 

2) CONTRIBUTO “ALTERNATIVO”

Questo contributo “alternativo” è riconosciuto sia ai soggetti che hanno già beneficiato del “contributo Decreto Sostegni” (se maggiore) sia ai soggetti che non vi hanno beneficiato.

Al fine di usufruire del contributo “alternativo” sono richieste le seguenti condizioni:

  • Ricavi inferiori a € 10 milioni nel 2019;
  • Calo almeno del 30% del fatturato medio del periodo 1.4.2020 – 31.3.2021 rispetto al fatturato medio del periodo 1.4.2019 – 31.3.2020.

ISTANZA – se avete diritto a questo contributo “alternativo” sarete contattati dal nostro Studio per predisporre l’istanza.

 

3) CONTRIBUTO PER I SOGGETTI CON PEGGIORAMENTO ECONOMICO

Per la valutazione di questo contributo si attende l’autorizzazione UE ed un decreto del MEF che stabilisca le percentuali da applicare.

Al fine di usufruire del contributo sono richieste le seguenti condizioni:

–           Ricavi inferiori a € 10 milioni nel 2019;

–           peggioramento del risultato economico dell’esercizio 2020 rispetto al 2019 in misura pari o superiore alle percentuali che saranno individuate dal MEF.

PROROGA MORATORIA MUTUI E LEASING AL 31.12.2021 CON RICHIESTA SCRITTA ENTRO IL 15.06.2021

Il Decreto Sostegni bis (Decreto Legge 25 maggio 2021, n. 73) ha previsto la proroga della moratoria per mutui e leasing fino al 31 dicembre 2021.

Sono previste tre novità importanti rispetto ai provvedimenti precedenti:

  1. – la sospensione riguarderà solo la quota capitale: dal 1° luglio 2021, quindi, dovranno essere di nuovo pagati gli interessi;
  2. – la moratoria non sarà più automatica, ma dovrà essere presentata una richiesta scritta ENTRO IL 15.06.2021 (dovete contattare le banche e le società di leasing per la loro modulistica)
  3. – potranno beneficiare della proroga della moratoria solo le imprese ed i professionisti già ammessi: non è prevista la riapertura dei termini per accedere alle misure.

“Festival della Giustizia – La sfida della Digitalizzazione”

In data 12 marzo 2021 dalle ore 10:00 alle ore 18:00 avrà luogo il “Festival della Giustizia – La sfida della Digitalizzazione”,

l’evento con cui Associazione Italiana Giovani Avvocati e 4cLegal, con il Gruppo 24 ORE come media partner esclusivo, intendono fare il punto sul Sistema Giustizia in Italia, in chiave istituzionale e con ospiti di alto profilo.

Il tema principe sarà “La sfida della digitalizzazione” e Wise Legal&Tax é tra i Supporter della manifestazione.

L’evento sarà trasmesso in streaming e disponibile sui canali di AIGA, 4cLegal e Il Sole 24 Ore.

RIDUZIONE DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO DI DUE ANNI – REGIME PREMIALE

Gli ordinari termini di accertamento per l’IVA (art. 57 DPR 633/72) e per le imposte sui redditi (art. 43 DPR 600/73) sono stabiliti al 31.12 del quinto anno successivo alla presentazione della dichiarazione.

 

REGIME PREMIALE

Le imprese e i professionisti possono beneficiare della riduzione di due anni per il termine di accertamento se:

  • Tutte le operazioni attive o passive, e relative variazioni, sono trasmesse allo SDI o comunicate con l’esterometro (quindi anche tutte le operazioni da e verso l’estero).

Per gli acquisti da soggetti con regime forfettario si rende necessario richiedere l’invio della fattura elettronica tramite SDI.

  • Tutti gli incassi e i pagamenti di importo superiore a €. 500,00 sono effettuati con modalità tracciata non in contanti.

 

COMUNICAZIONE IN DICHIARAZIONE DEI REDDITI

La sussistenza delle condizioni necessarie per l’applicazione del regime premiale deve essere comunicata annualmente in dichiarazione dei redditi.

 

I clienti che hanno i requisiti possono contattare lo Studio per accordarci sulle modalità operative.